Napoli sciantosa

Il Teatro Augusteo si prepara al Natale con Serena Autieri e la tradizione partenopea

©Gianmarco Chieregato /Cover ©2016 William Chizek/Adobestock

di Cecilia Morrico

La festa dell’Immacolata si trascorre a Napoli in compagnia di Serena Autieri. L’infaticabile artista partenopea è al Teatro Augusteo dal 7 al 16 dicembre con una nuova rappresentazione de #La Sciantosa, uno scintillante one woman show dove, per due ore, sul palco si canta e si balla al ritmo delle canzoni tradizionali campane. Da Capinera, a I’te vurria vasà, da Comme facette mammeta alla strepitosa Nini Tirabusciò, durante la quale la Autieri si esibisce nella simpaticissima mossa, coinvolgendo anche il pubblico. Dopo Napoli l’attrice si sposta a Roma dal 20 dicembre al 6 gennaio 2019 con Rugantino insieme a Enrico Montesano al Sistina.

Dicembre al ritmo di?
#La Sciantosa al Teatro Augusteo di Napoli. È uno spettacolo che nasce circa sei anni fa e vuole raccontare un’epoca che apparentemente non esiste più, ma che grazie alla figura di Elvira Donnarumma è ancora attuale. La storia di questa donna con le meravigliose canzoni di grandi autori come Salvatore Gambardella ed Ernesto Tagliaferri.

Cosa c’è di nuovo in questo lavoro?
Soprattutto la forza di raccontare le similitudini con il mondo di oggi. Per questo abbiamo aggiunto l’hashtag perché la sciantosa è ciò che ora chiamiamo influencer, una Chiara Ferragni di inizio ’900.

Parlando invece delle Feste, come le trascorri quest’anno?
A casa, per me Natale è sinonimo di tradizione e famiglia. La sera del 24 a tavola trionfa la cucina napoletana con spaghetti alle vongole e pesce al forno, immancabili il capitone e il baccalà fritto. Facciamo anche la classica insalata di rinforzo con cavolfiore bianco e sottaceti. Il mio 25, invece, è più romano-umbro, perché mia suocera (di Spoleto, ndr) prepara i cappelletti fatti a mano e il bollito di carne.

NOTE 29 del 6 dicembre 2018