Torna Su / Back to top Torna Su / Back to top

Il viaggio del gusto con Intercity


  • Abruzzo

    Con i suoi 3 Parchi Nazionali e 38 aree protette, l’Abruzzo vanta il titolo di “Regione Verde d’Europa”: un motivo in più per scegliere il treno, come mezzo di trasporto a basso impatto ambientale, e raggiungere l’Abruzzo con i 18 collegamenti Intercity, di cui 6 Intercity Notte, viaggiando alla scoperta dei sapori regionali.

    Tra i suoi tesori gastronomici troviamo il pecorino di Farindola, pregiate varietà di legumi come le lenticchie di Santo Stefano di Sessanio e i fagioli di Paganica, il profumatissimo zafferano di Navelli, le eccellenti mortadelle di Campotosto, il raro aglio rosso e i confetti di Sulmona, le paste artigianali di Fara San Martino, i famosi arrosticini, spiedini di carne ovina preparati arrosto alla brace, e tante altre tipicità.

    I quasi 3 milioni di ettolitri prodotti ogni anno pongono l’Abruzzo al quinto posto della classifica produttiva nazionale. Il Pecorino, la Passerina e il Trebbiano, vitigni a bacca bianca, e il vitigno Montepulciano, a bacca nera, danno origine a vini di grande qualità, grazie alle condizioni climatiche ideali per risaltare al massimo le peculiarità di questi vitigni e i sapori del territorio.

    La natura incontaminata si estende fino al mare, rendendo ancora più affascinante la scoperta della costa, ricca di tradizioni culinarie marinare di cui sono simbolo la Costa dei Trabocchi.


  • Basilicata

    14 collegamenti Intercity giornalieri, di cui 2 Intercity Notte, ti consentono di raggiungere tante destinazioni, come Potenza, Grassano-Tricarico, Ferrandina-Scalo Matera, Metaponto, Policoro, direttamente da Roma, Reggio Calabria o Taranto e con un cambio dal resto delle principali città italiane.

    La Basilicata è una regione di boschi, scavi archeologici, laghi, montagne, arte, che vale la pena di essere esplorata accompagnati dai sapori dei prodotti enogastronomici offerti dalla terra, dagli allevamenti ovini e suini.

    Le zone collinari regalano la produzione di un buon olio extravergine di oliva, di cereali, soprattutto nella provincia di Matera che si segnala in particolare per l’eccellenza delle paste artigianali, e di formaggi come il caciocavallo silano, il canestrato di Moliterno, la manteca di Pisticci e il pecorino di Filiano.

    Le zone più vicine alle coste regalano prodotti ortofrutticoli di qualità come il fagiolo di Sarconi e il peperone di Senise, solo per citare alcuni esempi di prodotti di eccellenza.

    Sulle tavole dei Lucani non può mancare la soppressata, il capocollo, la salsiccia del pezzente e, soprattutto, una buona bottiglia di vino rigorosamente di Aglianico, vitigno che esprime tutto il suo carattere e potenzialità nell’area del Vulture.


  • Calabria

    Una regione ricca di cultura e tradizioni enogastronomiche che la rendono conosciuta in tutto il mondo. Con i 23 collegamenti Intercity, di cui 7 Intercity Notte, puoi raggiungere la Calabria  e scoprire i vari percorsi enogastronomici tipici della tradizione calabrese.

    La regione offre diversi prodotti agroalimentari tra cui la cipolla di Tropea, la ‘Nduja di Spillinga, un salume spalmabile e molto piccante, la soppressata, la pasta fatta in casa come i Fileja, grandi e grossi maccheroni dalla forma allungata e arrotolata, originari di Brattirò nella zona di Vibo Valentia, accompagnata dal Pecorino del Monte Poro, e tante altre prelibatezze e numerosissime preparazioni semplici e riconosciute anche fuori regione.

    Punta di diamante dei prodotti tipici della gastronomia calabrese è la Rosamarina, che molti amano definire Caviale di Calabria: si tratta dell’originale conserva di pesce, tipica della provincia di Crotone e Cosenza.

    La tradizione enologica è possibile apprezzarla negli ottimi vini calabresi come, per citarne alcuni, il Greco di Bianco a Reggio Calabria, il Bivonci a Catanzaro, i vari Cirò DOC a Crotone.

    Per gli amanti del dolce, invece, il prodotto tipico della pasticceria calabrese è il Tartufo di Pizzo, inventato negli anni ’50, fu il primo gelato in Europa ad aver ottenuto il marchio IGP, e tante altre specialità come il Torrone di Taurianova e la nota Liquirizia Amarelli  che affonda le proprie radici a Rossano.

    Dopo il dolce, è d’obbligo concludere con il Vecchio Amaro del Capo, un liquore calabrese che prende il nome da Capo Vaticano in provincia di Tropea. 


  • Campania

    Con 38 collegamenti Intercity giornalieri, di cui 10 Intercity Notte, si possono raggiungere le principali località e città della regione dalle quali partire per un tour alla scoperta di un panorama ricchissimo di imperdibili sapori e tradizioni.

    La Campania gode dei vantaggi di un territorio e di un mare che offrono materie prime eccezionali: il pomodoro di San Marzano, i pomodorini del “piennolo”, i carciofi del Cilento (noti come “Tondo di Paestum”), la cipolla ramata di Montoro, il fagiolo quarantino di Volturara Irpina e la castagna di Montella in provincia di Avellino, le mozzarelle di Caserta e Battipaglia, i broccoletti (noti come “Friarielli”), i limoni della Costa d’Amalfi e Sorrento, la nocciola di Giffoni, il pesce protagonista della tavola del capoluogo, oltre alla pizza la cui bontà è dovuta anche alla qualità delle materie prime utilizzate, sono tra i prodotti più ricercati dagli amanti della buona cucina.

    Per tradizione, terreni, condizioni microclimatiche, tipologia di vitigni, la Campania è una delle prime realtà italiane nella produzione di vini di alta qualità. Tra le Docg si annovera il Taurasi, il Fiano di Avellino e il Greco di Tufo prodotti in Irpinia, un’area di grande tradizione vitivinicola. Le aree interne della Campania sono raggiungibili e visitabili anche grazie ai tour sulla ferrovia storica Avellino-Rocchetta organizzati periodicamente dalla Fondazione FS Italiane. 


  • Emilia Romagna

    Con 22 collegamenti Intercity e 10 intercity Notte giornalieri vai alla scoperta della regione Emilia-Romagna.

    Una terra ricca non solo di divertimento, ma anche di cultura e, soprattutto,  di enogastronomia. Non a caso, proprio a Forlimpopoli in provincia di Forlì-Cesena, è nato Pellegrino Artusi autore del leggendario manuale “La Scienza in cucina e l'arte di mangiar bene”, considerato la prima trattazione della gastronomia nazionale scientifica.

    La fama di questo territorio è dovuta soprattutto a prodotti gastronomici riconosciuti in tutto il mondo come il Prosciutto di Parma DOP, il Parmigiano Reggiano DOP, l’Aceto Balsamico di Modena IGP, la Piadina romagnola, la Mortadella simbolo della città di Bologna tanto da essere semplicemente chiamata dai suoi abitanti “Bologna”.

    Ferrara, città patrimonio UNESCO,  è nota per aver dato i natali alla Salama da Sugo IGP, da accompagnarsi alla Coppia Ferrarese DOP tipico pane a forma di cornetto allungato.

    Per finire, il simbolo indiscusso della cucina emiliana è senz’altro la pasta fresca all’uovo: le tagliatelle al ragù bolognese, i tortellini in brodo, le lasagne, i cappellacci di zucca ferraresi sono i piatti più conosciuti e apprezzati per la riscoperta dei sapori tradizionali.


  • Friuli Venezia Giulia

    Il territorio del Friuli Venezia Giulia è ricco di prodotti enogastronomici che con Intercity puoi scoprire, attraverso i 6 collegamenti giornalieri, di cui 2 Intercity Notte, partendo dalle principali città italiane come Roma, Arezzo, Firenze, Bologna, Venezia arrivando alla stazione centrale di Trieste.

    Numerose sono le eccellenze agroalimentari tipiche del Friuli Venezia Giulia come il prosciutto San Daniele DOP, uno degli insaccati italiani più conosciuti al mondo, il prosciutto crudo di Sauris IGP e il formaggio Montasio, l’ingrediente principale del Ficro, uno dei piatti più caratteristici del Friuli Venezia Giulia e tipico della provincia di Udine.

    Il vino della regione del Friuli Venezia Giulia è un attrattore di pubblico nazionale e, soprattutto, internazionale. La regione si distingue per la produzione di grandi e molteplici vini bianchi come il Tocai Friulano e Ribolla gialla, in provincia di Gorizia; spostandoci verso Udine si produce il Picolit, uno dei vini passiti più ricercati e celebri in Italia, e il Ramandolo.

    La produzione dolciaria della zona friulana comprende il Priesnitz, il classico dolce triestino, e lo Strucolo.


  • Lazio

    Una regione affascinante in cui le dominazioni succedutesi nei secoli, in particolare, quella Etrusca e Romana, hanno arricchito il territorio di tradizioni sia storiche che enogastronomiche.

    Con 42 collegamenti Intercity e 11 Intercity Notte giornalieri, puoi organizzare il tuo viaggio nel Lazio all’insegna della buona cucina e del buon vino.

    La Capitale d’Italia è il cuore della gastronomia laziale, con esperienze culinare tutte da vivere come la colazione con il tipico dolce laziale, il maritozzo con la panna, oppure,  un ricco piatto di pasta all’amatriciana o carbonara impreziosito dal famoso Pecorino romano elemento essenziale di tanti piatti laziali e formaggio ovino più esportato nel mondo.

    Nel Lazio si possono gustare ottimi prosciutti, molto apprezzati quello di Bassiano in provincia di Latina e Guarcino in provincia di Frosinone, i prelibati carciofi romani, la mozzarella di bufala dell’Agro Pontino, le olive e le alici di Gaeta, le lenticchie di Ventotene, le castagne e le nocciole dei Monti Cimini di Viterbo.

    Da non dimenticare i vini laziali: “Oste portace 'n'altro litro” canta la famosa canzone romana, infatti, sono molti i vigneti e le zone celebri per le loro produzioni. Nel Lazio si contano ben 25 denominazioni DOC, ottimi vini tutti da degustare e apprezzare.


  • Liguria

    La conformazione di questa terra unica racconta di un territorio in cui, in pochi chilometri, si passa da spiagge di sabbia a valli verdi e vette alpine, per questo la gastronomia ligure unisce i sapori della terra e del mare, in una cucina povera ma allo stesso tempo ricchissima di sfumature.

    L’agricoltura regionale ligure riveste una grande importanza grazie a prodotti agroalimentari di alta qualità rinomati anche all’estero. Verdure e aromi sono a tavola il filo conduttore: basilico di Pra’ (da cui il famoso Pesto di Pra’), i cavoli e i piselli di Lavagna, la cipolla rossa di Zerli, le melanzane tonde e le zucchine del Levante, la patata quarantina rappresentano le principali tipicità territoriali.

    Anche la viticultura in Liguria è millenaria ed è un vero esempio della passione dei liguri per la vite: partendo da ovest della regione, nella zona di Ventimiglia si trova il Rossese di Dolceacqua, il vino rosso ligure più importante e, proseguendo verso la Riviera Ligure di Ponente, si trovano Vermentino, Pigato e Rossese.

    Il viaggio tra i sapori e le tradizioni liguri non può che concludersi con il Chinotto di Savona, un pregiato agrume coltivato in particolare tra Varazze e Finale offerto al bar immerso nel Maraschino.

    32 collegamenti Intercity e 6 collegamenti Intercity Notte giornalieri da e per la Liguria ti consentono di raggiungere  gran parte del territorio da tutte le principali città d’Italia. 


  • Lombardia

    Regalati un viaggio e scopri la Lombardia con i 34 collegamenti Intercity e 12 Intercity Notte giornalieri: un panorama di luoghi da visitare e da vivere, dai boschi della Valtellina fino al Lago d’Iseo, passando per le colline della Franciacorta, tra enogastronomia e natura.

    La Lombardia è riconosciuta capitale di vere gemme casearie: maestri nell'allevamento di razze di capra autoctone per la produzione di formaggi di capra in provincia di Varese e di Pavia, il Bitto e il Casera in provincia di Sondrio, il Formai De Mut dell'Alta Valle Brembana, il Gorgonzola, il Provolone Valpadana e il Taleggio, in provincia di Bergamo, il Silter della Val Camonica nel territorio di Brescia rappresentano solo alcune delle più note tipicità regionali.  

    I sapori d’alta quota della Valtellina si traducono in produzioni enologiche dai profumi intensi e sapori rari come l’uva Nebbiolo, un caso unico al di fuori dei suoi confini storici piemontesi, coltivata tra le pendenze del terreno da eroici viticoltori.

    Dalle tavole della zona del Lago d'Iseo e della Franciacorta, in provincia di Brescia, c'è molto da scoprire ma soprattutto da mangiare e bere: i famosi vini e spumanti della Franciacorta, il cui percorso enogastronomico “Strada del Vino Franciacorta” è uno dei più apprezzati da turisti e appassionati di vino, il buon pesce del lago con specialità come la sardina essiccata, la bottarga di Agone, il cavedano e  il lavarello.


  • Marche

    Con 24 collegamenti Intercity giornalieri, di cui  6 Intercity Notte, la regione  Marche è servita direttamente dalle principali città italiane come Roma, Milano, Bologna, Bari, Lecce e con un cambio da Napoli, Torino, Venezia, Trieste, Verona.

    Una regione dai colori bellissimi tra il mare Adriatico e gli Appenini dove le colline, piene di viti e di olivi, caratterizzano il paesaggio.

    Le tappe enogastronomiche da non perdere sono tante, grazie a un territorio davvero ricco di prodotti: le vongole di Senigallia, i molluschi di Pedaso, il pesce azzurro di Fano, il carciofo violetto di Jesi, le fave di Ostra e il cavolo di Fano, il tartufo bianco di Acqualagna, la casciotta di Urbino, il prosciutto di Carpegna, il salame di Fabriano e il Ciauscolo, imperdibile insaccato tipico della zona di Macerata, l’olio extravergine di oliva conosciuto soprattutto per le straordinarie miscele che raccontano in chiave moderna la tradizione del territorio, sono soltanto alcuni degli acquisti golosi che offre questa regione.

    La regione delle Marche è nota anche per la produzione del Verdicchio, infatti, la zona centro-settentrionale è caratterizzata da vitigni a bacca bianca, come il biancame o l’albanella, e il territorio collinare dei Castelli di Jesi, raggiungibile con 5 treni Intercity giornalieri da Roma, Ancona e Fabriano per Jesi, è il protagonista con vini di alta qualità.


  • Molise

    Con 10 collegamenti Intercity giornalieri, prepara la valigia e vai alla scoperta del Molise, una regione tutta da conoscere ricca di prodotti enogastronomici tipici che si caratterizzano per la genuinità e i sapori legati alla terra.

    Uno dei suoi prodotti principali appartenenti alla tradizione culinaria è l’olio considerato un’eccellenza del territorio per il suo sapore unico, delicato ma con sentore di amaro e di piccante.

    Tanti altri prodotti di eccellenza rendono il Molise famoso, tra questi: la Tintilia, un vino autoctono, il tartufo, considerato l’oro nero del Molise, che produce circa il 40% della produzione nazionale, e ancora i formaggi freschi e stagionati dai sapori dolci, salati e piccanti prodotti con il latte delle montagne appenniniche dell’alto Molise, terra salubre ricca di specie vegetali autoctone e fauna selvatica.

    Da provare la pasta realizzata con metodo artigianale utilizzando vecchie macine a pietra e trafilature in bronzo, i salumi gustosi come la ventricina di Montenero di Bisaccia e, per finire, i dolci dal Pannocchio alla Pigna, dai panettoni a forma di campana di Agnone ai Panzerotti, al mosto cotto, un’esperienza dei sensi da non perdere tra sapori unici e raffinati.


  • Piemonte

    Le montagne, le colline, i fiumi e i torrenti caratterizzano la geografia di questo territorio con gli attraenti panorami di vigne e il mosaico fatto di tanti piccoli borghi e comuni facilmente raggiungibili con 26 collegamenti giornalieri Intercity, di cui 10  Intercity Notte.

    Viticoltura, allevamenti e coltivazione di frutta e verdura assicurano una grande ricchezza di materie prime per gli amanti dell’enogastronomia.L’eccellenza delle carni di razza trovano la massima espressione nello strepitoso Bue Grasso di Carrù, a cui è dedicata anche una importante fiera, e nella carne di Fassone Piemontese, una della cinque razze d’eccellenza presenti in Italia.
    La produzione casearia regionale vanta molte Dop: Gorgonzola, Bra, Castelmagno, Grana Padano, Murazzano, Raschera e Robiola di Roccaverano.
    Nell’astigiano si coltivano i cardi e le pesche e nell’Alta Langa cuneese la nocciola del Piemonte (detta anche “tonda gentile”).
    Alba, invece, è la capitale enogastronomica, non fosse altro che per il pregiato tartufo bianco locale, la cui fiera attira ogni anno visitatori da tutto il mondo.

    Il Piemonte è tra le regioni italiane più significative per qualità di vino prodotte: la coltivazione della vite risale a tempi antichi come dimostra la stragrande maggioranza di vitigni autoctoni tra i quali spicca il Nebbiolo, Barolo, Barbaresco e Roero. Ma non si possono certo dimenticare i molti vitigni che concorrono a rendere ancora più prestigioso il territorio come il Barbera, Dolcetto, Freisa, Grignolino, Malvasia, Arneis, Moscato per citare i più noti.


  • Puglia

    Il clima mite anche in inverno rende piacevole visitare la Puglia in tutte le stagioni.

    Con 26 collegamenti giornalieri, di cui 6 Intercity Notte, è possibile raggiungere le principali città e località della regione e immergersi tra i sapori e le eccellenze gastronomiche del territorio: il grano duro, il pane, soprattutto le pagnotte di Altamura, l’olio di oliva, le cime di rapa di Trani, la cicoria di Brindisi, i carciofi di Mesagne, le fave e i ceci leccesi, i sedani del Gargano, i lampascioni e i funghi cordoncelli.

    La tradizione agro-pastorale del territorio trova la sua  massima espressione nelle campagne tra Foggia e Lecce, soprattutto nel triangolo Bari-Taranto-Brindisi: è il cuore della produzione lattiero-casearia regionale con prodotti come la Burrata, la Manteca e la “Mercia”, rara mozzarella di ovino tipica del Salento.

    Il livello qualitativo dei vini è apprezzato anche oltre i confini nazionali: tra Foggia e Bari, nei territori di Castel del Monte, si trovano diverse tipologie di vino a seconda delle uve utilizzate, i vitigni di Moscato bianco situati nei comuni intorno Trani, i vitigni della zona intorno Lecce da cui origina la denominazione Salice Salentino e, infine, dal lato della costa ionica, a sud di Taranto, la patria dei rossi da Primitivo.


  • Sicilia

    Con 10 collegamenti giornalieri Intercity, di cui 6 con Intercity Notte, solo Intercity ti accompagna alla scoperta degli odori e sapori dell’enogastronomia siciliana.

    Raggiungi Catania, Giarre e Riposto per immergerti e conoscere il magnifico territorio etneo dove si possono degustare varie specialità enogastronomiche.

    La Sicilia è una terra ricca di materie prime e prodotti identitari che vanno, per citarne alcuni, dai pomodori di Pachino, alla frutta DOP e IGP, come il limone di Siracusa, le arance rosse di Sicilia, la pesca di Leonforte, le ciliegie dell’Etna. Invece, per gli amanti della frutta secca, i famosi pistacchi di Bronte sono conosciuti e riconosciuti in tutto il mondo.

    Tra i vini più noti della regione troviamo il Nero D’Avola, in provincia di Siracusa, uno dei vitigni a bacca nera più irresistibili e gustosi d’Italia, ma non mancano numerosi vini bianchi e rossi tra cui lo Zibibbo e il Marsala, di facile abbinamento alle perle dolciarie siciliane come i cannoli e le cassate.

    I vini dell’Etna, come l’Etna Rosso, accompagnano l’ “arancino”, il rustico più famoso della Sicilia, che ha una declinazione al maschile nella città di Catania e province della Sicilia orientale e presenta, secondo tradizione, una forma a cono ispirato all’Etna, mentre, nella città di Palermo e nelle province della Sicilia occidentale viene chiamato “arancina”, con una declinazione al femminile essendo il diminutivo del frutto dell’arancio. 


  • Toscana

    Cosa c'è di meglio di un viaggio enogastronomico, tra filari d'uva e uliveti su meravigliose colline, alla scoperta di una cucina semplice e naturale?

    La Toscana è una regione dal fascino irresistibile,  facilmente raggiungibile con i 26 collegamenti Intercity e 8  Intercity Notte giornalieri.

    Dato il grande patrimonio enologico, quando si raggiunge la Toscana è d’obbligo recarsi anche presso una delle tante aziende vinicole per scoprire da vicino i segreti della produzione del vino. Dai vigneti alla bottiglia, tanti sono gli esempi di eccellenza internazionale, tra questi: il Chianti, il Brunello di Montalcino, il Vino Nobile di Montepulciano, per citare i più noti.

    Durante un viaggio nella regione, è facile restare affascinati dal gusto della sua tradizione culinaria che riflette la propria origine contadina con la genuinità delle proprie materie prime e i suoi prodotti tipici: la famosa bistecca alla fiorentina, il cacciucco, la finocchiona, un salame a base di carne di maiale, il lampredotto, un panino ripieno di stomaco abomaso  molto simile alla trippa, il panforte e i cantucci, i salumi di cinta senese, una razza suina molto antica e tantissime altre specialità e tipicità.

    La Toscana è un percorso di enologia e gastronomia, di città e paesi in cui ciascuno celebra, con le proprie specialità, un trionfo di bontà e prelibatezze.


  • Trentino Alto Adige

    Il Trentino è una terra magica che racchiude un tesoro tutto da assaporare per una perfetta vacanza enogastronomica.

    Raggiungi il Trentino con i 2 collegamenti Intercity Notte disponibili ogni weekend e lasciati coccolare da profumi e sapori genuini: un territorio da esplorare in grado di regalare intense emozioni in qualunque stagione.

    Tra i prodotti tipici più noti della regione ci sono le mele, il Trentingrana, un formaggio di montagna prelibato, e l'olio extravergine del Garda, che hanno ottenuto la Denominazione di Origine Protetta.

    Particolarmente ricca è anche la presenza di formaggi come la Spressa delle Giudicarie (DOP), il noto Puzzone di Moena o la carne salada, salume di grande specialità preparato con tagli di manzo, lingua di vitellone o coscia di cavallo.

    Particolarmente rinomata è anche la tradizione vinicola e i distillati che vantano origini antiche e produzioni di elevata qualità conosciute a livello internazionale, tra i più pregiati troviamo: il Trentodoc, spumante prodotto con il metodo classico, il Nosiola , il Vino Santo, il Marzemino, il Teroldego e tanti altri ancora.

    Infine, tra le golosità del palato si annoverano i dolci realizzati con i piccoli frutti coltivati a 1550 metri di altitudine: fragole, lamponi, mirtilli e ribes della Val dei Mocheni e dell'Altopiano di Pinè.


  • Umbria

    Con i 18 collegamenti Intercity e 2 intercity Notte giornalieri raggiungi l'Umbria, il cuore verde d'Italia, un insieme di colori e odori tutti da assaporare.

    Dal cioccolato al miele, passando per il pesce di lago, la norcineria e il tartufo nero, l'Umbria è terra di sapori unici e inconfondibili, dalle tradizioni culinarie antiche spesso mantenute, a volte rivisitate.

    Patria di famosi vini rossi e bianchi vanta una tradizione enologica antichissima, fin dagli Etruschi e Romani che avviarono la coltura della vite grazie ad un territorio in prevalenza collinare e a un clima ideale.

    Da scoprire il sentiero del vino che comprende la visita dei piccoli centri di Bevagna e Montefalco, territori di produzione di vini e di olio DOP.

    Umbria, una regione per tutte le stagioni:  autunno, periodo di vendemmia, uno dei momenti più suggestivi per trascorrerci qualche giorno; inverno, per godere di  paesaggi emozionanti, gusti intensi e la possibilità di seguire la particolare lavorazione delle uve per i vini passiti; infine, primavera ed estate quando è possibile abbinare al percorso enologico e gastronomico le passeggiate a piedi, in bicicletta o a cavallo, in un ambiente naturale dove ovunque si sentono i profumi dell’aria pulita e delle acque, anch’essi diversi da stagione a stagione.


  • Veneto

    Alle bellezze naturali e artistiche, il Veneto aggiunge anche quelle della tradizione enogastronomica: dalla montagna al mare, dal lago alle pianure, gli itinerari del gusto si snodano tra paesaggi di rara bellezza.

    Le piccole capitali del vino veneto, ovvero Soave, Negrar, Sommacampagna, sono tutte in provincia di Verona raggiungibile con i 4 collegamenti Intercity e 2 Intercity Notte giornalieri.

    Tra le regioni italiane il Veneto è sicuramente una tra quelle che vanta una tradizione più antica e radicata nella produzione dei salumi. La carne di maiale, infatti, è molto diffusa e tra i prodotti d’eccellenza possiamo annoverare il Prosciutto Veneto Berico Euganeo, la Sopressa vicentina, lo zampone ed il cotechino tipici della provincia di Verona e Rovigo e tante altre specialità.

    Organizzare un viaggio in Veneto significa andare alla scoperta di sapori e prodotti lavorati seguendo tradizioni e ricette che si tramandano da generazioni: la ciliegia di Marostica, il formaggio di Asiago, il Montasio e il Grana Padano, il tartufo nero dei colli Berici, il gustoso baccalà alla vicentina, il riso Vialone Nano prodotto nel veronese e il Riso del Delta del Po coltivato nella provincia di Rovigo.

    Anche per i vini c'è l'imbarazzo della scelta, il Veneto infatti produce buonissimi vini bianchi come il Prosecco, o vini rossi, come l’Amarone della Valpolicella, per non parlare del Merlot e del Cabernet e la grappa di Bassano e tante altre eccellenze tutte da scoprire.