I rimborsi



  • I rimborsi per rinuncia al viaggio per i treni Nazionali

    Nel caso in cui intendi rinunciare all’intero viaggio, se la tipologia di biglietto in tuo possesso lo consente, puoi chiederne il rimborso con l'applicazione di una trattenuta sull’importo pagato. 

    Alcuni esempi

    Tipo di biglietto Trattenuta Limiti e tempi
    Base 20%


    100%
    Fino all’orario di partenza del treno prenotato 

    Dopo la partenza del treno prenotato il rimborso non è ammesso
    Economy 100% Rimborso non consentito
    Super Economy 100% Rimborso non consentito
    Offerta Familia

    Bimbi gratis
    20%

    100%
    Fino all’orario di partenza del treno prenotato

    Dopo il suddetto termine
    Offerte:
    A/R in giornata,
    A/R weekend, 
    CartaFreccia Young, CartaFreccia Senior,
    CartaFreccia Special, 
    Speciale 2x1 ecc.




    100%
    Rimborso non consentito

    Rimborso degli abbonamenti:

    tipo di biglietto trattenuta limiti e tempi
    Abbonamento mensile e settimanale (tutte le categorie di treno) 100% non è ammesso il rimborso
    Abbonamento annuale (ordinario) 5% 




    100%
    In caso di utilizzazione per un periodo limitato, rimborso di tanti dodicesimi del prezzo pagato quanti sono i mesi interi non utilizzati (le frazioni di mese sono considerate come mese intero).  


    Trascorso il suddetto termine
     
    Come puoi chiedere il rimborso 
    Prima dell’orario di partenza del treno prenotato:
    • presso qualsiasi biglietteria;
    • all’agenzia di viaggio presso cui hai acquistato il biglietto;
    • telefonando al Call Center o compilando l’apposito web form disponibile su questo sito: solo per i biglietti che hai acquistato sul sito o tramite il Call Center;
    • utilizzando l’apposita funzionalità disponibile su questo sito: solo per i biglietti ticketless che hai acquistato sul sito, al Call Center o tramite l'App Trenitalia;
    • utilizzando l'apposita funzionalità disponibile sull'App Trenitalia: solo per i biglietti che hai acquistato tramite App Trenitlia o su questo sito previa autenticazione
    Dopo l’orario di partenza del treno prenotato:
    il rimborso per rinuncia al viaggio non è ammesso. Non è ammesso il rimborso di un biglietto emesso in seguito a cambio data effettuato dopo la partenza del treno originariamente prenotato. 

    ATTENZIONE:
    I biglietti di importo pari o inferiore a 10 euro a viaggiatore non sono rimborsabili per rinuncia al viaggio. L’importo da rimborsare per ciascun viaggiatore è calcolato applicando la percentuale prevista, a seconda dei casi, con arrotondamento ai 5 centesimi superiori.

    - In tutti i casi in cui il rimborso necessita di un accertamento delle circostanze che hanno determinato la richiesta da parte degli uffici preposti: il rimborso ti verrà effettuato mediante bonifico bancario sul C/C da te indicato nella domanda di rimborso o mediante assegno di traenza.

    - Nel caso di biglietti nominativi il rimborso può essere richiesto esclusivamente dal titolare del biglietto indicato in fase di acquisto o da persona appositamente delegata dal titolare stesso.

    Biglietti acquistati on-line con pagamento presso le ricevitorie Sisal, gli esercizi commerciali del circuito Lottomatica, tramite PosteMobile o  presso il bancomat Unicredit: 
    Il rimborso è effettuato secondo le regole previste per il pagamento in contanti e devi rivolgerti alla biglietteria di stazione o all’agenzia di viaggio emittente. 

    Richiesta del rimborso in caso di chiusura della biglietteria o dell’agenzia di viaggio emittente 
    Quando non puoi chiedere il rimborso perché la biglietteria o l'agenzia di viaggi è impresenziata o chiusa temporaneamente, nei termini previsti a seconda del tipo di rimborso da richiedere,  devi telefonare al Call Center (numeri a pagamento), comunicando il codice identificativo di prenotazione (PNR), il tipo di rimborso richiesto e tutti gli estremi necessari per l’evasione dello stesso. Entro le 24 ore successive devi poi presentare la domanda di rimborso, compilando l’apposito web form disponibile sul sito www.trenitalia.com o il modulo rimborsi cartaceo presso qualsiasi biglietteria di Trenitalia.
    L’Ufficio preposto, all’atto del ricevimento della tua domanda di rimborso compilata, provvederà all’evasione della pratica, prendendo come riferimento di data/ora di presentazione i dati ricevuti dal Call Center per valutare la legittimità della richiesta e l’applicazione delle eventuali trattenute. 

    RICORDA CHE NON SONO RIMBORSABILI (per causa del viaggiatore):
    • I biglietti smarriti, distrutti o rubati;
    • i biglietti di abbonamento, salvo i casi espressamente previsti;
    • la prenotazione del posto;
    • le carte commerciali;
    • i carnet di prenotazioni per abbonati;
    • biglietti rilasciati in base ad offerte promozionali che prevedono espressamente la non rimborsabilità;
    • biglietti gratuiti rilasciati a qualsiasi titolo;
    • gli importi dovuti per la riservazione in uso esclusivo di compartimenti e carrozze;
    • gli importi aggiuntivi pagati: per il pagamento del biglietto pre-riservato con postoclick/postoblu per la consegna a domicilio dei biglietti e quelli corrisposti a titolo di compenso per le attività di vendita delle agenzie di viaggio. i biglietti per la parte acquistata con buono sconto. 


    Rimborsi per circostanze particolari
    Per i rimborsi richiesti per circostanze particolari, che devono essere valutate di volta in volta, è richiesta la forma scritta: a tal fine le biglietterie ti forniranno degli appositi moduli per la richiesta, che sarà inoltrata ai competenti Uffici. Il rimborso deve essere autorizzato e, in caso di esito positivo ti verrà liquidato nel modo da te scelto tra quelli indicati nel modulo di richiesta.
    La prenotazione del posto è rimborsabile soltanto in caso di mancata riservazione o di inutilizzazione per fatto imputabile a Trenitalia; in questo caso il rimborso è per intero.


  • I rimborsi per causa imputabile a Trenitalia per i treni Nazionali

    Biglietto totalmente non utilizzato:
    puoi ottenere il rimborso integrale (cioè senza alcuna trattenuta) del biglietto se non lo hai potuto utilizzare per una delle seguenti cause:

    a) quando la partenza del treno è ritardata di un almeno un’ora;
    b) quando non puoi iniziare il viaggio per ordine dell’autorità pubblica;
    c) quando sulla base dell’esperienza di Trenitalia è oggettivamente prevedibile che il ritardo dell’arrivo nella destinazione finale prevista nel contratto di trasporto sia superiore a 60 minuti rispetto all’orario previsto e tu non intendi iniziare il viaggio utilizzando mezzi alternativi o non intendi proseguirlo e richiedi di tornare al punto di partenza o ad altra località intermedia di sua scelta.
    d) il treno o la carrozza cuccetta o VL o Excelsior o il servizio auto/moto al seguito effettuato con il treno prenotato sono soppressi;
    e) quando il posto che hai prenotato non è effettivamente disponibile o quando, per esigenze di servizio non prevedibili, il materiale utilizzato per il treno prenotato è diverso da quello della categoria cui appartiene il treno programmato o la classe o il servizio utilizzati sono inferiori a quelli cui fa riferimento il tuo biglietto;
    f) nel caso di assegnazione di posto cuccetta, VL ed Excelsior diverso da quello indicato sul tuo biglietto o nel caso di mancanza di effetti letterecci;
    g) vi è un ritardo nella consegna del titolo di viaggio acquistato sul sito e tramite il Call Center (numeri a pagamento).

    Nel caso di più biglietti rilasciati per la soluzione di viaggio che hai acquistato per arrivare a destinazione e oggetto del medesimo contratto di trasporto il rimborso viene effettuato per tutti i biglietti non utilizzati a seguito dell’impedimento. Nel caso in cui l’impedimento riguardi il viaggio di andata il rimborso integrale ti verrà riconosciuto anche per il viaggio di ritorno acquistato contestualmente a quello di andata. 

    Biglietto parzialmente non utilizzato
    Puoi ottenere il rimborso senza trattenuta di parte del prezzo del biglietto se ricorre una delle seguenti cause:

    a) quando la continuazione del viaggio è impedita da ordine dell’autorità pubblica, o dall’interruzione della linea o dalla soppressione del treno o dei treni con cui dovevi proseguire il tuo viaggio o dalla mancata coincidenza causata dal ritardo di un treno del servizio nazionale e l’arrivo nella destinazione finale si prevede sia inferiore ad un’ora e tu non intendi servirti dei mezzi sostitutivi messi a disposizione;

    b) quando sulla base dell’esperienza di Trenitalia è oggettivamente prevedibile che il ritardo dell’arrivo nella destinazione finale prevista nel contratto di trasporto sia superiore a 60 minuti rispetto all’orario previsto e tu non intendi proseguire il viaggio utilizzando mezzi alternativi ma non richiedi di tornare alla stazione di partenza;

    c) quando, per esigenze di servizio non prevedibili, il materiale utilizzato per il treno che hai prenotato è diverso da quello della categoria cui appartiene il treno programmato o la classe o il servizio utilizzati sono inferiori a quelli cui fa riferimento il tuo biglietto, oppure quando il servizio cuccetta o VL o Excelsior acquistato non è disponibile per causa imputabile a Trenitalia.

    Come puoi chiedere il rimborso
    Puoi chiedere il rimborso integrale del biglietto presso la biglietteria di stazione al momento in cui si è verificato l’impedimento al viaggio.
    Puoi invece chiedere il rimborso parziale del biglietto:

    • presso la biglietteria di stazione al momento in cui in cui si è verificato l’impedimento alla prosecuzione del viaggio;
    • presso la biglietteria della stazione di arrivo, subito dopo la discesa dal treno, quando la classe o il livello di servizio o la categoria di treno utilizzata è inferiore a quella indicata sul tuo biglietto o quando il servizio cuccetta, VL o Excelsior acquistato non è disponibile per causa di Trenitalia.

    Nel caso di biglietto ticketless acquistato sul sito o tramite il Call Center (numero a pagamento) puoi chiedere il rimborso senza trattenute, con le medesime tempistiche, anche telefonando al Call Center o compilando l’apposito web form disponibile su questo sito.


    Non sono rimborsabili i biglietti per la parte acquistata con buono sconto.


  • I rimborsi per rinuncia al viaggio per i treni Regionali

    Il rimborso del biglietto regionale deve essere richiesto entro le ore 23:59 del giorno precedente la data indicata sul biglietto, presso qualsiasi biglietteria o presso l’Agenzia di viaggio abilitata che lo ha emesso o inviando la richiesta scritta alla Direzione Regionale/Provinciale competente per la stazione di partenza. 

    Per il  biglietto elettronico regionale (BER) è possibile richiedere il rimborso anche su APP Trenitalia e online su www.trenitalia.com
    Dalla somma da rimborsare viene sempre dedotta una trattenuta del 20%, salvo quanto diversamente previsto dalle singole tariffe. Non si procede al rimborso se la somma da corrispondere, dopo l’applicazione della ritenuta, è pari o inferiore a € 8,00.

    Per gli abbonamenti il rimborso è previsto solo per l’abbonamento annuale regionale che può essere rimborsato, prima dell’inizio di validità, con applicazione di una trattenuta a titolo di penale del 5%. In caso di utilizzazione per un periodo limitato della sua validità complessiva viene rimborsata la differenza tra il prezzo pagato ed il prezzo dovuto per uno o più abbonamenti mensili alla tariffa 40 per il periodo di avvenuta utilizzazione considerando le frazioni di mese come mese intero con applicazione di una trattenuta a titolo di penale del 5%.

    Norme particolari possono essere previste per determinate tipologie di biglietti, per azioni di promozione o di fidelizzazione, in relazione ai canali di vendita o alle modalità di pagamento.


    Biglietto parzialmente non utilizzato

    Il viaggiatore può chiedere, prima della scadenza di validità del biglietto, il rimborso della differenza fra il prezzo totale pagato e quello dovuto per il percorso effettuato, nei seguenti casi:

    a) quando non intenda valersi dei mezzi alternativi, messi a disposizione da Trenitalia, per mancata coincidenza dipendente dal ritardo o dalla soppressione del treno o da interruzioni di servizio;

    b) salvo quanto diversamente disposto dalle singole tariffe, quando il viaggiatore, per fatto proprio, non possa proseguire il viaggio, purché la mancata prosecuzione sia fatta constatare a Trenitalia all'atto dell'interruzione e la causa dell'impedimento sia comprovata.
     

    Biglietto utilizzato da un numero inferiore di persone

    Il viaggiatore  può richiedere, entro le ore 23:59 del giorno precedente la data indicata sul biglietto, il rimborso  parziale nel caso di rinuncia al viaggio di uno o più viaggiatori

    Viaggio in classe inferiore

    Il viaggiatore non ha diritto al rimborso nel caso in cui decida volontariamente di utilizzare la classe inferiore.

    Biglietto per trasporto animali

    Il biglietto è rimborsabile solo se presentato congiuntamente a quello emesso per il viaggiatore. L’importo non rimborsabile (pari o inferiore a €8,00 dopo l’applicazione della trattenuta a titolo di penale) deve essere calcolato sull’importo complessivo.


    Rimborso per errato acquisto sul sito

    E’ ammesso il rimborso per acquisto di due abbonamenti o di due biglietti di corsa semplice intestati alla stessa persona (on line), validi sulla stessa relazione e per lo stesso periodo.

     

    Esclusione dal rimborso

    Non hanno diritto al rimborso:

    •  i biglietti acquistati con bonus, per la parte relativa all’importo del bonus stesso;

    •   i biglietti di corsa semplice e i carnet di biglietti per i viaggi da e per Fiumicino Aeroporto (tariffa 1/ter) non sono rimborsabili per mancato utilizzo dipendente da fatto proprio del viaggiatore;

    •   i biglietti di supplemento bici;

    •   i biglietti e gli abbonamenti (con esclusione dell’abbonamento annuale) dichiarati smarriti, distrutti o rubati;

    •   gli abbonamenti settimanali, quindicinali, mensili e trimestrali (con esclusione errato acquisto e in caso di mancata effettuazione del servizio per causa delle FS Italiane o per ordine dell’Autorità Pubblica).


    Modalità di rimborso

    La richiesta di rimborso può essere presentata da:

    •   il possessore del biglietto non nominativo;

    •   l’intestatario del biglietto nominativo o da considerare tale per gli elementi in esso contenuti;

    •   per le comitive, l’organizzatore del viaggio, il capo comitiva oppure, in caso di rimborso parziale, il singolo componente;

    •   i delegati dagli aventi diritto.
     

    La richiesta di rimborso deve essere presentata , entro le ore 23:59 del giorno precedente la data indicata sul biglietto a:

    •   le biglietterie abilitate nella località di partenza o in quella di emissione del titolo, purché non coincida con quella di arrivo, salvo le eccezioni previste; le Direzioni Regionali/Provinciali competenti per le località di partenza del viaggio in caso di  biglietteria di partenza chiusa o assente. La richiesta di rimborsi deve essere spedita per posta, entro 24 ore dall’evento, insieme al biglietto originale, dalla località di partenza o da quella di emissione del biglietto, purché non coincida con quella di arrivo;

    •   l’Agenzia di Viaggio emittente, in caso di rinuncia al viaggio su richiesta del cliente;

    •   la biglietteria abilitata della stazione dove si è verificata l’interruzione del viaggio;

    •   la biglietteria abilitata della località in cui si è verificato il fatto che impedisce il viaggio o la sua prosecuzione per le richieste di rimborso integrale per cause FS o per ordine dell’autorità  pubblica. In mancanza o chiusura della biglietteria, l’impedimento dovrà essere certificato tramite annotazione sul biglietto da parte del personale di Trenitalia;

    •  le Direzioni Regionali/Provinciali per i treni speciali.


    La richiesta di rimborso, entro le ore 23:59 del giorno precedente la data indicata sul biglietto, può essere presentata in forma:

    •   verbale ¬ se il biglietto è rimborsabile a vista e senza necessità di ulteriori approfondimenti;

    •   scritta ¬ (carta libera per richieste da stazioni non presenziate o lo specifico modulo di richiesta) se il rimborso è richiesto:

      a)    per divieto dell’autorità pubblica o per causa FS non verificabili immediatamente dalla biglietteria;

         b)    per treni speciali;

         c)    durante la chiusura delle biglietterie.

    In entrambi i casi devono essere consegnati i biglietti originali (tagliando cartaceo o stampa cartacea del Pdf per il biglietto elettronico regionale) e deve essere esibito un documento di identificazione personale, unitamente ad ogni altro documento che comprovi il diritto al rimborso.


    Come è effettuato il rimborso:

    •   in contanti, nel caso di richiesta verbale, presso la biglietteria o l’AdV emittente;

    •   a mezzo assegno, bonifico bancario o bonus dagli Uffici competenti. Il bonus è utilizzabile entro un anno dall’emissione.
     

    Per richiedere un rimborso devi compilare l'apposito modulo


  • I rimborsi per causa imputabile a Trenitalia per i treni Regionali

    Per mancata effettuazione del viaggio per fatto imputabile alle Ferrovie dello Stato Italiane o per ordine dell’Autorità Pubblica

    In caso di mancata effettuazione a causa di:

    ­ soppressione del treno o partenza ritardata superiore a 60 minuti;

    ­ sciopero del personale delle Ferrovie dello Stato Italiane (dalla dichiarazione dello sciopero stesso e entro le 24 ore lavorative successive al termine);

    ­ ordine dell’Autorità Pubblica;

    ­ mancanza di posto disponibile nella classe di validità del biglietto;

    si effettua un rimborso integrale del biglietto in tutte le biglietterie anche nel caso in  cui sia già stato convalidato.

    La biglietteria provvede direttamente al rimborso quando è in condizione di verificare le circostanze che giustificano il rimborso integrale: in caso contrario procederà all’inoltro alla Direzione Regionale competente della richiesta presentata in forma scritta. Per il biglietto elettronico regionale la richiesta di rimborso deve essere sempre inoltrata in forma scritta.

    Nel caso di biglietteria chiusa o assente la richiesta deve essere fatta in forma scritta alla Direzione Regionale competente allegando l’originale del biglietto
     

    Biglietto totalmente non utilizzato

    si effettua un rimborso integrale del biglietto in tutte le biglietterie anche nel caso in  cui sia già stato convalidato.

    La mancata utilizzazione deve essere fatta constatare al personale di Trenitalia nel momento in cui si verifica la circostanza che impedisce il viaggio.

    Biglietto parzialmente non utilizzato

    a) per una parte del percorso il viaggiatore deve far constatare al personale di Trenitalia la mancata prosecuzione del viaggio all’atto dell’interruzione. Si rimborsa la differenza tra il prezzo totale pagato e quello dovuto per il percorso effettuato;

     

    b) viaggio in classe inferiore il viaggiatore ha diritto al rimborso integrale della differenza di prezzo tra le classi, per la mancanza di classe superiore su treni che da orario ufficiale la prevedono. La mancata utilizzazione deve essere annotata sul biglietto cartaceo dal Personale di bordo di Trenitalia; in caso di biglietto elettronico regionale per attestare la mancata utilizzazione è necessario farsi validare il biglietto a bordo del treno.

     

    Abbonamenti quindicinali, mensili e trimestrali

    Nel caso di interruzione di linea di durata prevista superiore a 10 giorni, su autorizzazione della Direzione Regionale/Provinciale competente, e dietro riconsegna dell’abbonamento durante il periodo di interruzione, si effettua il rimborso integrale, presso qualsiasi biglietteria o AdV, di tanti quindicesimi, trentesimi o novantesimi dell’importo pagato quanti sono i giorni di validità residua dell’abbonamento, rispettivamente se si tratta di abbonamento quindicinale, mensile o trimestrale. Norme particolari possono essere previste dalle singole tariffe regionali.

     

    Abbonamento annuale

    Nel caso di interruzione di linea di durata prevista superiore a 10 giorni, dietro riconsegna dell’abbonamento nel periodo di interruzione, è ammesso il rimborso integrale di tanti dodicesimi dell’importo pagato quanti sono i mesi interi non utilizzati. Per la determinazione dei singoli periodi di validità mensile si fa riferimento alla data di inizio della validità dell’abbonamento.

    Norme particolari possono essere previste dalle singole tariffe regionali.

     

    Modalità di rimborso

    La richiesta di rimborso può essere presentata da:

    •   il possessore del biglietto non nominativo;

    •   l’intestatario del biglietto nominativo o da considerare tale per gli elementi in esso contenuti;

    •   per le comitive, l’organizzatore del viaggio, il capo comitiva oppure, in caso di rimborso parziale, il singolo componente;

    •   i delegati dagli aventi diritto.

     

    La richiesta di rimborso può essere presentata a:

    •   le biglietterie abilitate, salvo le eccezioni previste;

    •   l’agenzia emittente, in caso di rinuncia al viaggio su richiesta del cliente;

    •   la biglietteria abilitata della stazione dove si è verificata l’interruzione del viaggio;

    •   la biglietteria abilitata della stazione di partenza per la richiesta di rimborso avanzata entro 30’ dalla convalida;

    •   la biglietteria abilitata della località in cui si è verificato il fatto che impedisce il viaggio o la sua prosecuzione per le richieste di rimborso integrale per cause FS o per ordine dell’autorità pubblica. In mancanza o chiusura della biglietteria, l’impedimento dovrà essere certificato tramite annotazione sul biglietto da parte del personale di Trenitalia;

    •   le Direzioni Regionali/Provinciali per i treni speciali;

    •   le Direzioni Regionali/Provinciali competenti per le stazioni di partenza del viaggio, in caso di biglietteria di partenza chiusa o assente. La richiesta di rimborsi deve essere spedita per posta, entro 24 ore dall’evento, insieme al biglietto originale, dalla località di partenza o da quella di emissione del biglietto, purché non coincida con quella di arrivo.

    La richiesta di rimborso può essere presentata in forma:

    •   verbale ­ se il biglietto è rimborsabile a vista e senza necessità di ulteriori approfondimenti;

    •   scritta ­ (carta libera per richieste da stazioni non presenziate o lo specifico modulo di richiesta) se il rimborso è richiesto:

         a)    per divieto dell’autorità pubblica o per causa FS non verificabili immediatamente dalla biglietteria;

         b)    per treni speciali;

         c)    durante la chiusura delle biglietterie.

    In entrambi i casi devono essere consegnati i biglietti originali (tagliando cartaceo o stampa cartacea del Pdf per il biglietto elettronico regionale) e deve essere esibito un documento di identificazione personale, unitamente ad ogni altro documento che comprovi il diritto al rimborso.

     

    La richiesta di rimborso deve essere presentata entro:

    •   il periodo di utilizzazione del biglietto e, comunque, prima della convalida;

    •   30’ dalla convalida purché la richiesta di rimborso dei biglietti convalidati sia presentata presso la biglietteria abilitata della stazione di partenza.

     

    Come è effettuato il rimborso:

    •   in contanti, nel caso di richiesta verbale, presso la biglietteria o l’AdV emittente;

    •   a mezzo assegno, bonifico bancario o bonus dagli Uffici competenti. Il bonus è utilizzabile entro un anno dall’emissione;


    Per richiedere un rimborso compila l'apposito modulo.